giovedì 16 febbraio 2012

I progetti paralleli dei De Rapage • part 2



Quando si pensa al lato oscuro di Maurizio Skillaquiz viene subito in mente  la sua boy band, gli Squill Boyz. Ma come?, direte voi. È presto detto.
Era il 1992 quando il manager di boy bands Lou Cazz fu ispirato dal successo dei New Kids on the Cock negli anni ottanta per creare la sua band. Dopo una serie di audizioni nel 1992 e nel 1993, trovò finalmente quello che cercava: Maurizio Skillaquiz. Insieme a lui furono scelti anche Lando Buzzanca e Eduardo James De Filippo che entrò nel gruppo dopo una audizione via telefono dall'aldilà, i quali poi vennero sostituiti in un secondo momento da Robin Williams e Batman Di Blasio.
Fu così che nacquero gli Squill Boyz.
Il loro primo concerto, datato 8 marzo 1993, fu seguito da 3 ragazzi dall'aspetto equivoco al Puttan World di San Francisco, Malesia. Successivamente Lou Cazz fece esibire l'intera band in riunioni di lavoro, funerali e centri commerciali abbandonati, assegnando a Skillaquiz il doppio ruolo di cantante/manager della band perché lui non voleva fare più un cazzo.
Dopo il fallimento della Troyon Records, la band dovette cambiare casa discografica e quindi contrattare con la Puttan Tour Management nel febbraio 1994. A giugno registrarono il loro primo singolo, una canzone urban pop scritta e prodotta da Skillaquiz e Ghigo Renzulli intitolata Le puttane da una parte, le troie dall'altra. Sfortunatamente il singolo non ebbe molto successo negli USA e si piazzò solo alla n. 69 in Uganda, ma venne ben accolto a Chieti, infatti poco dopo la band ricevette il suo primo disco d'oro in Germania.
Nell'estate del 1996, uscì il primo album (intitolato semplicemente Schizzi) a Chieti e Spoltore (Canada) che divenne un successo per diverse ore. Skillaquiz mantenne la band lontana dagli studi di registrazione per i successivi due anni, per promuovere il primo album attraverso un tour di settantacinquemila mesi.
La popolarità cresceva, e gli Squill Boyz vinsero il loro primo premio come Band più di Cazzo in Kamchatka. Il singolo Vengo dal culo, e pure nero divenne oro e balzò alla numero 1 in Austrialia, ma suscitò le ire del Papa.

Nonostante il successo e la dichiarata intenzione di proseguire con il progetto, lo scioglimento del gruppo fu ufficializzato il 13 febbraio 1996, motivandolo con l'intenzione da parte dei singoli componenti di intraprendere carriere come solisti.
La separazione degli Squill Boyz avvenne alla vigilia della pubblicazione di un nuovo singolo, una cover di Imprenditore Gay dei Pastori Sardi In Licenza. La loro versione del brano ha permesso loro di vincere per la terza volta l'Italian Award come Best British single, nel 1996.

Nonostante la pubblicazione fosse uscita in seguito alla scissione del gruppo, ottenne un grosso successo commerciale, riuscendo per l'ennesima volta a portare gli Squill Boyz in vetta alle classifiche degli album e dei singoli e scalando le chart europee.
La seconda metà degli anni novanta ha segnato il debutto in qualità di solisti dei tre componenti del gruppo. Il primo fu Robin Williams, che già nel 1996 pubblicò il suo primo album Abbottacazz, che arrivò appena alla posizione numero 33 in Senegal ma, nonostante il buon successo dei primi due singoli, Gonorrea Silenziosa e Emorroidi sul mento, la droga ebbe la meglio su di lui e morì un lunedì pomeriggio dopo il thè. Il suo funerale fu di modesto successo commerciale. Resuscitò dopo un mese grazie a dei buoni pasto opportunamente conservati.

Nel 1997 debuttò invece Batman Di Blasio, autore di gran parte delle canzoni dei Pooh di quegli anni, che arrivò in vetta alla classifica con l'album Culi, sostenuto dalle vendite dei primi due singoli Forever Mazza e Love di Cazzo, che raggiunsero la massima posizione nella Brecciarola Chart. La sua carriera come solista si è tuttavia arenata nel 1999, in seguito ai modesti risultati di vendita del suo secondo disco A parte tutto: Bucchini.

Al 1997 risale anche il disco di debutto di Maurizio Skillaquiz, il primo dei tre ad aver abbandonato la formazione per crearsi una carriera da solista. Il primo album Lenticchie con la Merda raggiunse la vetta della classifica mondiale ma solo per 12 secondi.
Da allora, e fino al suo avvento nei De Rapage, perse la voglia di fare musica ed errò vagabondo fra Filippone e Santa Maria (2 quartieri di Chieti).

Nel frattempo, il marchio Squill Boyz viene utilizzato per la pubblicazione di alcune raccolte non ufficiali: The Best of Li ricchiun (2001) e Forever... La Sborra! (2002). Tutte e due le raccolte sono state ignorate dal pubblico.

La reunion degli Squill Boyz avvenne nel 2009 con il concerto Civitella Alive che registra il tutto esaurito e da cui viene estratto un doppio cd con su un solo pezzo, Troia di Platino, suonato per 2 ore e mezza.
Oggi, tornati sulla breccia, gli Squill Boyz hanno in cantiere un nuovo album ed un tour mondiale.
Sono cazzi vostri.

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog